Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina “Informazione sui cookie”

Che cosa è il teatro? Il teatro contemporaneo

Lunedì 5 giugno all'interno del progetto Connessioni, che nel corrente anno scolastico, in collaborazione con il laboratorio teatrale di Gozzano, ha affrontato il tema "Che cosa è il teatro?", gli studenti hanno incontrato Antonella Cirigliano, docente alla NABA di Milano. performer e regista teatrale. Erano presenti gli alunni delle classi 3H, 4E, 4F, 4H e tutti i studenti del laboratorio teatrale, che hanno avuto una introduzione al teatro contemporaneo e alle arti performative.
teatro contemporaneo
 
 

Il mese del libro

Maggio è il “mese del libro” e Sonia Teso, docente responsabile della biblioteca del Liceo di Gozzano, lo ha ricordato agli studenti con un'originale installazione: un bosco fiorito di frasi tratte da libri famosi; con la “caccia al titolo” tra i ragazzi che scopriranno il maggior numero di titoli potranno essere estratti a sorte e donati, ovviamente, dei libri. L'obiettivo è invogliare alla lettura: chi legge ha una marcia in più rispetto a chi non lo fa e la scuola ha il dovere di impegnarsi a far amare i libri, amici che non tradiscono mai.

M.G.C.

mesedellibro1

mesedellibro2

Articolo maggio del libro pubblicato sull'informatore del 26 maggio 

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO - LICEO GALILEI BORGOMANERO GOZZANO

Con la legge n.107 del 2015 è stato introdotto nella scuola secondaria di secondo grado l'obbligo di alternanza scuola-lavoro per tutti gli alunni del triennio, per un totale di 200 ore nei licei e di 400 ore negli istituti tecnici e professionali, ore da utilizzare sia durante l'anno scolastico, che nel periodo estivo; l'obbligo è scattato nell'anno scolastico 2015/16 a partire dalle classi terze. “E' un impegno notevole per la scuola organizzare l'alternanza- spiega la Dirigente del Liceo Galilei Gabriella Cominazzini – quest'anno dobbiamo preoccuparci di tutti gli alunni delle terze e delle quarte, sia per il liceo scientifico di Borgomanero, che per il linguistico e per le scienze umane di Gozzano. Sono 448 gli studenti di terza e quarta, 279 a Gozzano, 169 a Borgomanero e non è facile trovare per tutti una soluzione adeguata. Comunque, dopo le prime difficoltà, la macchina organizzativa si è avviata; abbiamo preso contatti con le amministrazioni comunali del territorio, con i servizi sociali, con diverse aziende, con professionisti e abbiamo contatti con l'Università di Biella. Ritengo che l'alternanza sia una bella opportunità per i ragazzi, per mettere in gioco le competenze acquisite a scuola, per confrontarsi con il mondo del lavoro che ha regole diverse rispetto alla scuola, per ridurre il gap formativo tra mondo della scuola e realtà lavorative e sono certa che i risultati si vedranno presto, via via che la legge 107 diventerà normalità”. Sono tante le opportunità offerte ai ragazzi, alcune molto originali: quattro ragazzi della IV A di Gozzano faranno un'esperienza di accoglienza turistica in un rifugio a Ussolo, sulle alpi Marittime, altri, durante il mese di luglio, saranno coinvolti a Invorio nell'esperienza nuova dell'asilo nel bosco e hanno già svolto alcune ore di formazione. Riuscitissima l'idea del “baby-english”, cioè l'insegnamento dei rudimenti della lingua inglese ai piccoli della scuola dell'infanzia e della primaria: Angela, Costanza e Serena della III C del linguistico sono felicissime; hanno già iniziato le lezioni e mettono in campo le competenze acquisite a scuola “E' una bellissima esperienza – raccontano – I bambini sono attenti e le maestre disponibili, loro imparano e anche noi; impariamo a rendere semplice una lingua straniera e a rapportarci con i piccoli”. La referente dell'alternanza per Gozzano, Alessandra Parodi, è convinta che la legge 107 sia davvero un'opportunità da cogliere: permette ai ragazzi di sviluppare competenze comunicative e relazionali, di diventare più autonomi e responsabili. A Gozzano, tra l'altro, l'impatto della nuova legge si è sentito meno, in quanto esisteva una lunga tradizione di volontariato che coinvolgeva già circa duecento alunni. Il volontariato si è trasformato in alternanza nel settore della solidarietà e sono molti i ragazzi che si recano presso le case di riposo o si occupano dei malati di Alzheimer e alcuni studenti di quarta realizzeranno con l'AGBD di Arona dei laboratori per migliorare l'autonomia dei ragazzi con la sindrome di Down. Il Comune di Gozzano si è reso disponibile subito e alcuni alunni gestiranno l'ufficio turistico o daranno una mano in biblioteca. Sempre grazie al Comune a giugno alcuni studenti saranno coinvolti in un progetto legato a un Bando INAIL sullo smaltimento dell'eternit. Certo, ci sono anche gli scontenti: “Non ci sentiamo valorizzate-dicono Noemi, Giulia, Roberta - nell'esperienza che stiamo vivendo, non riusciamo a dimostrare le nostre capacità”, ma sembra proprio che gli aspetti positivi prevalgano sui negativi.

Maria Grazia Cereda

Articolo sull'alternanza scuola lavoro pubblicato sull'informatore del 28 aprile (pagine comuni)